Tags: Jugoslavia

ivic
Industriale, socialista, jugoslavo: il calcio secondo Tomislav Ivic

Le mani a coprire il volto, la testa leggermente chinata in avanti mentre il corpo resta fermo, con le gambe unite. Dietro di lui, Vujovic cede alla disperazione e si piega sul terreno con la testa che sembra volersi immergere nel prato verde. È probabilmente questa la foto più famosa di Tomislav Ivic, scattata il pomeriggio del 4 maggio 1980, pochi secondi dopo l’annuncio della morte del maresciallo Tito. La disperazione, quella di Ivic, dello stadio e di un Paese intero, segna la fine di un’epoca, preparando, pur senza esserne a conoscenza, la strada verso il disfacimento dell’intera Jugoslavia. Ma quella sera, così vicina alla fine della stagione calcistica, segna anche la fine dell’avventura di Tomislav Ivic nella sua Spalato, la conclusione del periodo più brillante mai vissuto nella storia dell’Hajduk, quando tra lo Stari Plac e il Poljud si portava in scena il "calcio industriale".

Read more
Carlo Perigli / 0
marakana
La fragola del Marakana

Enorme sventola, in mezzo ad altre cento, la bandiera con la fragola. Era da poco passata la metà di settembre, passeggiavamo insieme lungo una delle strade principali della città. Eravamo diretti verso il Marakana di Belgrado. C’era il sole, le macchine non correvano e sembrava che tutto nella capitale serba ruotasse intorno a noi. I caseggiati si susseguivano uno dopo l’altro, mostrando fieri la loro fede calcistica. C’è un’omogeneità che non ti aspetteresti e la percepisci dai murales: attraversi una strada e sono tutti bianchi e neri, fai duecento metri e diventano tutti bianchi e rossi. Ogni tanto qualche scarabocchio bianco e blu, ma più per deturpare che per segnare davvero un’appartenenza.

Read more
Gianni Galleri / 0
binic
Dragiša Binić e le verticalizzazioni della storia

La Storia in qualche modo funziona come il calcio. Ci sono lunghi momenti interlocutori, dove non succede niente, e poi ci sono brevi istanti in cui tutto accade e cambia per sempre quello che era prima, trasformandolo e dandogli una nuova forma, una differente condizione. La Storia verticalizza gli eventi e li trasforma in rete. Nell’aprile del 1991, uno sterminato mare verde cresceva florido nelle pianure che circondano Vukovar. «Era un anno fertile per il grano, come mai in passato: era tutto in abbondanza». La Fortezza del Lupo (traduzione letterale del nome della città) dominava le terre circostanti, fino alle foreste dalle quali arriva ancora oggi uno dei legnami più pregiati per le botti nelle quali invecchiano i nostri vini: il rovere di Slavonia.

Read more
Gianni Galleri / 0
Susic
Safet Susic, meravigliosamente diverso

«Benchè sia una città, Sarajevo ha l'anima di un villaggio». In "La Bosnia e l'Erzegovina", seconda tappa del reportage nei Balcani scritto tra il 1935 e il 1938, è probabile che Rebecca West abbia colto appieno l'anima più limpida della capitale bosniaca. Perchè, spiegava, a differenza di quanto avviene quando si confrontano piccoli e grandi centri, nella capitale bosniaca i «passaggi della mente», così come avviene per i fiumi e l'aria, non si inquinano, non tendono a indebolirsi. E la religione, spiegava l'autrice, non rappresenta un'eccezione, ma «irriga la città e la rende fresca come una rosa».

Read more
Carlo Perigli / 0
La partita che poteva salvare la Jugoslavia

Finisce tutto con un signore di Klis che si ammazza sparandosi alla testa. Sergio Goycoechea, il vero eroe delle Notti Magiche, distende la mano, e la palla destinata alla rete viene respinta. Il mondo che fino ad allora aveva conosciuto frana. L’uomo di Klis non è il più intelligente, è solo il più spaventato. Ha capito che ormai il piano è inclinato. Che la sfera ha iniziato a rotolare e che da allora andrà sempre peggio. Ha paura, più di tutti, e la fa finita.

Read more
Gianni Galleri / 0
sarajevo
Lo psichiatra dei giganti, da Sarajevo al tribunale dell’Aja

Il preparatore psicologico si passa una mano fra i capelli. Sono folti e l’attaccatura è bassa. Nonostante sembrino tagliati da poco, non accennano a rispettare la piega imposta solo poche ore prima. Sono scuri, ma una spruzzata di bianco inizia a colorarli e a raccontare al mondo che il tempo sta passando. L’accento montenegrino è chiaro nelle parole di chi parla. Le orecchie di chi ascolta sono completamente assorte dal suono del mantra che egli sta ripetendo. E nulla importa che sullo sfondo si levino attenuati ma continui i cori. Lo spogliatoio è ben isolato. Fuori il Kosevo è una bolgia.

Read more
Gianni Galleri / 0
belgrado
Belgrado 1999, un calcio alla guerra

La sveglia è all'alba. La squadra si raduna e insieme si va all'aeroporto di Atene-Eleftherios Venizelos. I sorrisi a favore di telecamera e gli sguardi solo all'apparenza distesi nascondono un'ingente carica di tensione. Alle porte per i giocatori dell'Aek Atene non c'è una partita di cartello, né un'importante sfida europea che deciderà la stagione dei gialloneri. Anzi, il campionato in Grecia è fermo per la Pasqua ortodossa, di solito un'occasione che i giocatori sfruttano per stare con le proprie famiglie, per staccare la spina per qualche giorno. Ma la posta in palio questa volta è troppo alta per restare a casa, e così, quando ai giocatori è stato chiesto di partire, nessuno si è tirato indietro. Insieme a loro si metteranno in viaggio anche i dirigenti del club e una folta rappresentanza del tifo organizzato, che ha deciso di seguire la squadra in una partita dall'immenso valore simbolico. Ci siamo. Belgrado, stiamo arrivando.

Read more
Carlo Perigli / 0
sekularac
La notte in cui parlai con Sekularac

Stanotte ho parlato con Sekularac. L’ho incontrato per caso, in una fredda mattina belgradese, nel cuore del parco Tasmajdan. Non c’è da stupirsi, ci sono stati anni in cui era solito trovarsi là. Calcio d’estate e hockey d’inverno, quando la capitale serba resta assopita per via della neve. La domanda, semmai, è cosa ci facessi io a Belgrado, a subire il vento sferzante che senza sosta percorre le strette vie che da Trg Republike portano alla Chiesa di San Marco. Probabilmente chi vive qui non se ne accorge, ma il freddo belgradese ti entra nelle ossa, un po’ come quella dolce malinconia che il cielo bianco sparge sulla città. Le ho provate entrambe tutte le volte che sono stato a Belgrado. Quattro in tutto, sempre lo stesso giorno, sempre negli stessi posti. Quest’anno no, quest’anno ho deciso di non partire. Ho pensato che altrimenti rischierebbe di diventare un’abitudine, e la prima regola da rispettare quando tieni a qualcosa è fare in modo che non lo diventi. Mai.

Read more
Carlo Perigli / 0
hase
Hase, il Sarajevo e la fine della Jugoslavia

Maggio 1967 Cara madre, non crederete mai a quello che sto per raccontarvi. Oggi papà ha deciso di farmi una sorpresa e mi ha portato a vedere la partita. Io ormai non potevo più crederci. Ti ricordi quante volte gliel’ho chiesto prima che tu te ne andassi? E lui ogni volta mi diceva di no. Diceva che non poteva lasciarti sola. E tu dal letto insistevi perché mi portasse allo stadio Kosevo a vedere il Sarajevo. Te lo ricordi madre? Adesso papà mi ha detto che sei partita, e che tornerai fra molto tempo e che sarei dovuto essere forte. Io gliel’ho detto subito, adesso che la mamma non c’è, possiamo andarci allo stadio. Ma lui è diventato tutto triste e se n’è andato. Aveva gli occhi rossi. Madre, perché papà si era arrabbiato? Ma non pensiamoci più. Madre voglio raccontarti cosa è successo oggi allo stadio Kosevo.

Read more
Gianni Galleri / 0
milan barcellona
La partita geniale

Chissà come si sarà sentito Johan Cruyff al fischio finale. Male, sicuramente male, sconfitto e umiliato da quella squadra a cui alla vigilia non dava alcuna possibilità di successo. Lui era un vincente alla guida di un dream team, l'espressione del calcio spettacolo contro cui niente avrebbe potuto il "difensivo catenaccio" rossonero. Ad Atene il 18 maggio 1994 il Barcellona era pronto ad alzare un altro trofeo, dopo lo scudetto, il quarto consecutivo, vinto tre giorni prima. In Catalogna, nonostante la finale fosse imminente, il successo in campionato venne festeggiato in pompa magna, con i tifosi blaugrana che stendevano striscioni in onore di "Koeman el canonero", "Romario el Pichichi", "Stoichkov la Garra".

Read more
Carlo Perigli / 0