Monthly Archives: ottobre 2015

fiorentina
La Fiorentina del Trap: tre corse di una meravigliosa incompiuta

Il Trap al telefono quasi non ci credeva. "Presidente ma lei è sicuro? Io sono Trapattoni". Dall'altra parte, Vittorio Cecchi Gori aveva già scelto: dopo le innovazioni di Malesani, passato in estate sulla panchina del Parma, Firenze aveva bisogno di un allenatore pragmatico, vincente, in grado di trascinare la squadra verso il definitivo salto di qualità. Un entusiasmo condiviso soltanto a metà dalla piazza, divisa più o meno equamente tra entusiasti e scettici. La carriera del Trap non si discute - ci mancherebbe - ma il calcio proposto dal vate di Cusano Milanino appare ormai obsoleto, incapace di adattarsi alle innovazioni che il salto ormai prossimo nel nuovo millennio porterà con sé.

Read more
Carlo Perigli / 0
le tissier
Matt Le Tissier, la dura vita di un Dio di provincia

Luci spente, ad illuminare la sala ci sono solo i suoi gol, proiettati sullo schermo. Matt Le Tissier li guarda affascinato, sorride, nascondendo a fatica una travolgente emozione. E, sia chiaro, a farlo sussultare non è la pregiata fattura dei colpi, una serie di 198 sfide all'impossibile regolarmente vinte per k.o. E tutto sommato, non è nemmeno l'intervista che sta per rilasciare, o il documentario che di lì a poco gli verrà dedicato. Anzi, a dire la verità, di quello gli interessa veramente poco. Le Tissier si è sempre rifiutato di mettere la sua vita sotto i riflettori, tanto da aprire la sua autobiografia con la precisazione che della sua sfera privata non avrebbe raccontato nulla ("It's Tiss and Dell, not Kiss and Tell").

Read more
Carlo Perigli / 0
vink
Marciano Vink, quando una cometa accese la Lanterna

Meteore, così vengono chiamati nel gergo calcistico quei giocatori che in un determinato campionato si pongono sotto i riflettori in maniera fugace, quasi in un guizzo, per poi cadere per sempre nel dimenticatoio. Un’etichetta che serve per distinguerli dai bidoni, quei calciatori il cui rendimento si rivela inversamente proporzionale alle aspettative. Bene, se qualcuno mi chiedesse di esprimermi su Marciano Vink, regista di belle speranze con una stagione passata al Genoa, credo che lo metterei tra le prime. Anzi, forse no, probabilmente racconterei all’interlocutore di quando, più che una meteora, il centrocampista olandese si trasformò in una bellissima cometa, protagonista di quelle due folli corse che accesero il derby della Lanterna in tutto il suo splendore.

Read more
Carlo Perigli / 0